Convention Georisorse e Ambiente

SOSTEGNI E RINFORZI MEDIANTE CENTINE E BULLONI PER LA STABILIZZAZIONE DEGLI SCAVI MINERARI E CIVILI IN SOTTERRANEO E A CIELO APERTO

[ Giovedì, 29 Marzo 2018 ]

geam

 

 

 

 

Geoingegneria Ambientale e Mineraria

L'Associazione Georisorse e Ambiente, fondata nel 1964 con fini culturali e senza fini di lucro, opera nel settore della geoingegneria ambientale e mineraria, con particolare riferimento alle georisorse fluide, solide e territoriali, all'interferenza ed alla compatibilità e sicurezza ambientale delle attività produttive, di scavo e di costruzione.
L'Associazione Georisorse e Ambiente è attiva su tutto il territorio nazionale ed ha stretti collegamenti con numerose Associazioni affini straniere. L'Associazione organizza Convegni Internazionali e Nazionali su svariate tematiche tecniche, economiche, giuridiche ed ambientali, afferenti ai seguenti principali settori culturali:
• Georisorse Minerarie
• Scavi Civili e Minerari
• Territorio e Difesa del Suolo
• Ambiente e Sviluppo Sostenibile
• Risorse Idriche
• Sicurezza e salute del lavoro
Il Convegno, tenutosi al Politecinco di Torino il 16 marzo 2018, questa volta ha riguardato:
SOSTEGNI E RINFORZI MEDIANTE CENTINE E BULLONI PER LA STABILIZZAZIONE DEGLI SCAVI MINERARI E CIVILI IN SOTTERRANEO E A CIELO APERTO

Uno degli argomenti trattati:
Monitoraggio e bullonature strumentate
Relatore Alessandro Zampieri
SISGEO S.r.l.

ABSTRACT

L’intervento ha l’obiettivo di illustrare quali sono le tipologie strumentali più idonee per monitorare i bulloni.

Prima di entrare nel dettaglio dei sistemi di misura, si inquadra il concetto monitoraggio, la sua utilità e le modalità attraverso cui si scelgono gli strumenti.

Al centro della presentazione sono successivamente i sistemi di misura per bulloni, in risposta a esigenze di misura e monitoraggio in campo geotecnico, di meccanica delle rocce e di verifica dell’interazione terreno-struttura. Il focus sarà in particolare su due sistemi di misura: le celle di carico e i bulloni strumentati, entrambi progettati per consentire l’esecuzione di misure in modo semplice e affidabile.

Ciascuna tipologia di strumento verrà analizzata nelle sue caratteristiche, applicazioni e potenzialità:

• Le celle di carico si compongono di un corpo in acciaio, sensibilizzato con un certo numero di strain-gauges per non risentire dell’eccentricità dei carichi agenti. Sotto carico la cella toroidale subisce una deformazione che viene rilevata dagli estensimetri, generando in uscita un segnale elettrico proporzionale al carico applicato.

• I bulloni strumentati con gli strain gauges a corda vibrante consentono di misurare l’entità delle deformazioni. Dalla conoscenza dei parametri caratteristici dei materiali (modulo E) e le dimensioni geometriche (area o sezione A) è possibile determinare le tensioni o i carichi agenti.

Attraverso l’analisi delle caratteristiche degli strumenti, di condizioni ambientali di contesto e di alcuni casi applicativi concreti, la presentazione mette in luce i principali requisiti qualitativi e di affidabilità degli strumenti di monitoraggio.