SISGEO utilizza su questo sito cookies anche di terze. Per continuare a navigare questo sito, vi invitiamo a leggere la nostra Informativa Privacy e Cookies qui e cliccare sul tasto “Accetto”. Se continuate a navigare il sito SISGEO, si sottintende che accettate l’uso dei cookies come descritto.

Stramazzi

Codici di riferimento: QV, QVML, QVLIV, P252Q

La misura della portata in canali aperti trova largo impiego ed applicazione in campo ambientale e geotecnico. In particolare, la misura delle perdite di acqua in dighe in terra o in calcestruzzo è uno dei più importanti indicatori della salute e delle prestazioni dell’opera.

La quantità delle perdite è funzione del livello idrico nel bacino artificiale e dipende dalle caratteristiche e dal comportamento della diga. Andando quindi a misurare la quantità delle perdite si ottiene un buon indicatore delle condizioni strutturali e di funzionamento della diga.

Le perdite di acqua vengono solitamente raccolte a valle della diga e deviate in una vasca munita di stramazzo per la misura della loro portata. Lo scopo principale dello stramazzo è quello di trasformare un valore di livello idrico in una misura di portata istantanea del canale a cui è applicato.

In breve: lo stramazzo causa una variazione del livello idrico in una vasca a monte direttamente proporzionale alla variazione di portata. La misura viene effettuata attraverso un trasduttore di livello o di pressione. Lo strumento per la misura delle portate è composto da:

  • una vasca di calma;
  • uno stramazzo di sezione nota (triangolare, rettangolare o altro);
  • un trasdutore di livello o di pressione.

TECNOLOGIA

DOWNLOAD

READABLE BY